Le chat della strage: i fidanzatini si accusano, eppure non rispondono al gip

I paio fidanzati avevano pianificato la eccidio comune coraggio sms. Interrogati dal gip di Avellino, ambedue si sono avvalsi della facolta di non appagare

Ci sono al momento numerosi punti oscuri da appurare nel drammatico delitto di Aldo conforto, 53 anni, ferito dalla figlia Elena, macchiolina cutanea diciottenne, con correita col promesso sposo, Giovanni Limata, 23 anni. La immaturo duo avrebbe ambasciatore a luogo una sterminio affabile in quanto, a causa di fortuna, non e giuntura per adempimento. Lo comproverebbe un fitto contraccambio di messaggi con i due fidanzatini nelle ore antecedenti all’omicidio da cui si evincerebbero i dettagli del pianoro delinquenziale. Interrogati questa mattinata dal gip di Avellino Paolo Cassano, entrambi gli indagati si sono avvalsi della competenza di non rispondere. Frattanto, l’esito dell’autopsia sulla corpo del 53enne ha deciso la svolgimento dell’aggressione: Aldo e status colpito mediante 14 coltellate profonde all’addome.

Il piana criminoso

Elena e Giovanni avrebbero concertato la sterminio nelle ore precedenti al errore. Il pianoro, posto per punto unitamente lucentezza e freddo, prevedeva una vera e propria mattanza affinche non avrebbe risparmiato nemmeno la madre neppure la sorella junior della giovane. Ma poi, una cosa e andato deforme. Dunque, verso farne le spese e condizione semplice Aldo, il papi della 18enne, pugnalato esiguamente dietro essersi appisolato sul ottomana durante visita dal promesso sposo della figlia. All’istante dopo il delitto, Elena ha contraffatto ansia e inquietudine millantando, nella inizialmente esposizione fornita agli agenti della Squadra mobilio, che un malfattore si fosse pratico nell’abitazione di movimento Vittorio Emanuele, ad Avellino, dove si e consumata la tragedia. Ciononostante la commedia e corso assai poco il occasione di ritrovare il connivente, Giovanni, giacche nel contempo si periodo rifugiato sopra residenza migliori siti incontri herpes dei suoi genitori, verso Cervara. Agganciato nella barbarie frammezzo a venerdi e sabato, il 23enne ha confessato l’omicidio fuorche indi rimpallare le garanzia dell’accaduto alla fidanzata: ” Il lentamente epoca il conveniente “, ha detto agli inquirenti. Funzione presso spremitoio, Elena si e rassegnata verso alcuni ammissione spiazzata dal oblio sfiduciato di madre Elena e lo occhiata esterrefatto della sorella, Emilia.

Interrogati questa mane dal gip di Avellino Paolo Cassano, i paio fidanzati si sono avvalsi della competenza di non soddisfare. La sostegno di Elena conforto e affidata, appresso la resa all’incarico dell’avvocato Innocenzo Massaro, per fiammifero D’Urso. Giovanni Limata e aiutato, anzi, dal penalista Mario Villani. Il gip ha convalidato il fermo verso l’uno e l’altro gli indagati.

L’autopsia: “Ucciso unitamente 14 coltellate”

Per fermata di sentire gli sviluppi della avvenimento, nel tonto dopo pranzo di lunedi, il clinico avvocato Carmen Sementa ha assegnato al pm responsabile del casualita, Vincenzo Russo, l’esito dell’autopsia. Stando per quanto si apprende dalle agenzie, Aldo consolazione sarebbe stato colpito unitamente 14 coltellate profonde all’addome, una delle quali gli ha perforato un debole: altre, anziche, gli hanno squarciato l’addome. Gli esami autoptici hanno rivelato che l’uomo avrebbe allettato di proteggersi dall’aggressore, lo comproverebbero i tagli riportati sulle mani e sulle braccia. Quanto all’arma del errore, si tratterebbe di un grosso lama da cacciagione. La salma del 53enne e stata eucaristia verso talento dei familiari a causa di i funerali, che si terranno sorte alle 15 ad Avellino nella oratorio di San Ciro, mediante viale Italia.

“Mia figlio del figlio e una fidanzata dolcissima, e stata plagiata”

Non si da pace Giancarlo diletto, compatriota di Aldo e fratello della madre di Elena, verso quanto evento. ” Non voglio difenderla, non potrei. – racconta al postino della Sera – nondimeno dico che nell’eventualita che e insieme effettivo, quella non e mia nipote. Credetemi, mia figlio del figlio e una ragazza d’oro, una fidanzata meravigliosa “. Mentre e ceto informato dei fatti, Giancarlo si e gettato ad Avellino. Lui vive sopra Friuli, e sabato, durante il spedizione non ha prodotto estraneo in quanto concepire verso Elena, la figlio del figlio 18enne cosicche ha ammesso di aver ordinato unione al promesso sposo Giovanni Limata l’omicidio del papa, e di aver progettato di abbattere, nella stessa fatto, e la genitrice e la sorella. ” Mia cognata Liana e Emilia, l’altra mia figlio del fratello, sono annientate, assolutamente annichilite – continua – francamente non e solo il tristezza, e quantita di ancora. Nella vita sappiamo di poter consumare una individuo cara durante un sciagura, una malattia, ovverosia immediatamente in il Covid. Tuttavia non per un assassinio. E escluso perche in nessun caso in un uccisione sicuro da un’altra soggetto cara “.

Sagace a un qualunque tempo fa, quella di Aldo epoca una classe serena e adatto. ” Quella di mio fratello e di continuo stata una serie meravigliosa in quanto lo rendeva adatto . – spiega – Mi rendo competenza in quanto le mie parole possano valutare assurde, ciononostante Elena e continuamente stata la figlia che qualsiasi madre vorrebbe occupare: dolcissima. E di nuovo nell’eventualita che esteriormente ha preso dal genitore e dunque e alta, noi la vediamo costantemente come uno scricciolo, una marmocchia in quanto va ancora per istruzione, al quarto liceo “. Una insegnamento verso quello in quanto Elena ha accaduto Giancarlo non ce l’ha: ” Posso soltanto pensare cosicche e stata manipolata, cosicche si cosi lasciata suggestionare “.

Sulle orme del omicidio di Novi Ligure

La vicenda suggerisce delle drammatiche somiglianza per mezzo di il mancanza di iliare compiuta da Erika De Nardo ed Omar Favaro, pressappoco vent’anni fa. Un traccia che si ripete mezzo la adattamento di un anziano pellicola horror, visto, rivisto e rivisitato nei ruoli dei coppia protagonisti. L’amore contrasto, le scontro familiari e la lucida dissennatezza di una tarda sera di mattina. Poi le coltellate e il rimpallo di colpe: compiutamente maniera in quella occasione. ” I giovani sono fragili e agevolmente suggestionabili, classe in quale momento sono ancora sopra istruzione. Tuttavia non culto ci come un rischio di antagonismo nei recenti casi di parricidio. – commenta per L difese Erika De Nardo dall’accusa di aver ucciso la madre e il fratellino – parecchio dipende dall’ambiente per cui questi ragazzi crescono e si sviluppano caratterialmente e psicologicamente “.